Cerca
Generic filters
Filter by Categorie prodotto
Produttori
'A Vita
Azienda Agricola Ilaria Cocco
Casa Comerci
Azienda Agricola La Distesa
Paltrinieri
Società Agricola Collecapretta
Azienda Maria Pia Castelli
Vignaiolo Fanti
Tenute Dettori
Revì
Antica Azienda Agricola Paolo Bea
Società Agricola Annesanti
Cantina San Biagio Vecchio
Ermes Pavese
Azienda Agricola Artico
Elena Fucci
Cipressi Claudio
Cascina degli Ulivi
Azienda Agricola Battiato
Azienda Agricola Ciro Picariello
Azienda Agricola Hibiscus
Casa Coste Piane
Emidio Pepe
Forlini Cappellini
Iacopo Paolucci
Il Paradiso di Manfredi
L'Archetipo
Nicola Gatta
Ronco Severo
-15%

Leda

11,00

Rosato  Lazio
Azienda Agricola Artico  Merlot 70%, Montepulciano 20%, Cabernet Sauvignon 10%

 

Denominazione: Lazio Rosato IGT
Annata: 2019
Formato: 0,75 l

Suolo: Vulcanico
Estensione del vigneto: 2 ha
Tipo di impianto: Cordone speronato
Densità ceppi per Ha: 4000 ceppi per ha
Età media del vigneto: 20 anni
Produzione media per ha: 65 ql/ha

Vinificazione e affinamento: La raccolta è eseguita a mano a metà settembre quando le uve merlot raggiungono perfetta maturazione mentre le varietà di montepulciano e cabernet sauvignon vengono raccolte anticipatamente al fine di conferire freschezza al vino. Dopo la raccolta l’uva è adagiata in cassette; successivamente viene portata in cantina dove subisce pressatura soffice al fine di ottenere colore senza il rilascio di tannini. Dopo questa prima fase avviene la decantazione statica e successivamente la fermentazione lenta ad una temperatutra controllata di 15°C. Prima di essere preparato per l’imbottigliamento vengono effettuati due battonage e rimane per tre mesi sui lieviti.
Solforosa totale: 48 mg/l
Bottiglie prodotte: 1.200

Esaurito

Curiosità

“Leda” con il suo nome è un omaggio alla mitologia greca e precisamente al mito di “Leda e il cigno”. Leda è il nome dell’affascinante regina di Sparta, figlia di Testio, di cui Zeus se ne innamorò a tal punto che per poterla vedere scese dal cielo per raggiungerla. Mentre Leda dormiva sulle sponde di un laghetto, fu svegliata dallo starnazzare delle ali di un candidissimo cigno; intorno c’era profumo d’ambrosia che la stordiva e il cigno col suo collo sinuoso amorosamente accarezzò il suo viso, i suoi capelli e le sue braccia. Era Zeus che per avvicinarla e sedurla si tramutò in cigno.

Suggestione d’Autore

“Una bottiglia di Leda, un crudo di gambero rosso su burrata, seduto a cena sul porto d’Anzio.” Federico Artico, Produttore

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Leda”