LogoGUS
Cerca
Generic filters
Filter by Categorie prodotto
Produttori
'A Vita
Azienda Agricola Ilaria Cocco
Casa Comerci
Azienda Agricola La Distesa
Paltrinieri
Società Agricola Collecapretta
Azienda Maria Pia Castelli
Vignaiolo Fanti
Tenute Dettori
Revì
Antica Azienda Agricola Paolo Bea
Società Agricola Annesanti
Cantina San Biagio Vecchio
Ermes Pavese
Azienda Agricola Artico
Elena Fucci
Cipressi Claudio
Cascina degli Ulivi
Azienda Agricola Battiato
Azienda Agricola Ciro Picariello
Azienda Agricola Hibiscus
Casa Coste Piane
Emidio Pepe
Forlini Cappellini
Iacopo Paolucci
Il Paradiso di Manfredi
L'Archetipo
Nicola Gatta
Ronco Severo

Ronco severo

“Abbiamo ricevuto in prestito un territorio che abbiamo il dovere di salvaguardare, é il nostro futuro, questa convinzione mi ha portato ad abbandonare ogni prodotto chimico e a ridurre al minimo indispensabile l’intervento in vigna e in cantina. Nei vigneti inerbiti non faccio uso di concimazioni inorganiche e diserbanti, in cantina non uso enzimi, lieviti selezionati e solforosa. Solo lunghe macerazioni per estrarre sostanze che producono vini dal colore molto intenso, espressioni longevi che a volte risultano lievemente velati perché non subiscono né filtrature e né chiarifiche.” Stefano Novello

ronco severo

Produttore: Stefano Novello

Regione: Friuli Venezia Giulia

Anno di fondazione: 1962

Ettari coltivati a vigneto: 11 ha

Vitigni coltivati: Pinot grigio, Friulano, Chardonnay, Picolit, Ribolla gialla, Merlot, Refosco dal peduncolo rosso, Schioppettino

Bottiglie prodotte: 32.000 circa

Certificazioni: Biologico

Associazioni/Federazioni: ViniVeri

Produttore:
Stefano Novello

Regione:
Friuli Venezia Giulia

Anno di fondazione: 1962

Ha coltivati a vigneto:
11 ha

Vitigni coltivati: Pinot grigio, Friulano, Chardonnay, Picolit, Ribolla gialla, Merlot, Refosco dal peduncolo rosso, Schioppettino

Bottiglie prodotte:
32.000 circa

Certificazioni: Biologico

Affiliazioni:
ViniVeri

La storia dell’azienda inizia nel dopoguerra quando la famiglia Novello, di origine contadine, decide di cimentarsi nella coltivazione della vite recuperando vecchi vigneti e ristrutturando la vecchia casa che diventa al tempo stesso abitazione e cantina. Correva l’anno 1962, ci troviamo a Prepotto, piccolo centro rurale circondato dalle colline e dai vigneti all’interno della rinomata zona DOC dei Colli Orientali del Friuli in un territorio a ridosso del confine con la Slovenia, dove l’equidistanza fra il mare, con la sua influenza benefica, e le Prealpi Giulie, che riparano la vite dalle fredde correnti del nord, crea microclimi estremamente favorevoli ad una viticoltura di eccellenza.

Caratteristica di questi territori è la Ponca. Ponca è il nome con cui in Friuli viene chiamato il terreno di queste colline, ovvero un impasto di marna e arenaria stratificatesi nel corso dei millenni. Un terreno ricco di sali e microelementi, dal quale la vite riesce a estrarre sostanze che conferiscono ai vini un’elegante e singolare mineralità.

Negli anni ’90 Stefano Novello, dopo il diploma di agraria e la qualifica di enologo, in seguito inoltre ad alcune esperienze in California e nel New Mexico, decide di prendere le redini della azienda di famiglia. Agli inizi mette in pratica quanto aveva imparato a scuola, gli affari vanno bene, i vini sono apprezzati, ma ad un certo punto Stefano sente il desiderio di ricercare un’emozione diversa nel vino: la naturalezza. Abbandona così l’agricoltura convenzionale con non pochi problemi, in primis i conflitti con il padre, che non capisce le scelte del figlio a seguito anche del riscontro dei clienti che restano spiazzati da un così radicale cambiamento di prodotto. Problemi rappresentati ance dalla conseguente necessità di ricostruire una rete commerciale, misto a diversi dubbi personali figli di scelte totalmente stravolgenti. Stefano però non si perde d’animo e con coraggio, determinazione e tanta passione prende per mano i suoi sogni e li trasforma in scommessa. Scommessa ai tempi del tutto imprevedibile ma che oggi lo incorona tra i migliori artigiani del vino in Italia.

Perché Ronco Severo?

MartaNuova

Perché Stefano rappresenta il successo di chi, in direzione ostinata e contraria persegue una luce di verità in fondo al suo cuore, quella scintilla che ti fa spostare mare e monti, una scintilla, per lui, dal nome Vino Vero. I vini di Stefano sono frutto di purezza, di amore candido, di esaltazione della natura e dei vitigni attraverso la difficoltà nel fare le cose estremamente semplici e buone. Le sorsate dei suoi vini sono carezze di imponenti singolarità autoctone che ti prendono per mano e ti trascinano in un profondo e mistico viaggio sensoriale.

L'opinione di Marta

I vini di Ronco severo