Cerca
Generic filters
Filter by Categorie prodotto
Produttori
'A Vita
Azienda Agricola Ilaria Cocco
Casa Comerci
Azienda Agricola La Distesa
Paltrinieri
Società Agricola Collecapretta
Azienda Maria Pia Castelli
Vignaiolo Fanti
Tenute Dettori
Revì
Antica Azienda Agricola Paolo Bea
Società Agricola Annesanti
Cantina San Biagio Vecchio
Ermes Pavese
Azienda Agricola Artico
Elena Fucci
Cipressi Claudio
Cascina degli Ulivi
Azienda Agricola Battiato
Azienda Agricola Ciro Picariello
Azienda Agricola Hibiscus
Casa Coste Piane
Emidio Pepe
Forlini Cappellini
Iacopo Paolucci
Il Paradiso di Manfredi
L'Archetipo
Nicola Gatta
Ronco Severo
-14%

Brichet Frizzante… Naturalmente

12,00

Vino Spumante Bianco  Veneto
Casa Coste Piane Glera 95%, Verdiso 5%

 

Denominazione: Glera Colli Trevigiani IGT
Metodo bollicine: Ancestrale
Annata: 2019
Formato: 0,75 l – 1,5 l

Suolo: Argilloso, sassoso
Estensione del vigneto: 1 ha
Tipo di impianto: Capovoloto o alla Cappuccina
Densità ceppi per Ha: 3300 ceppi per ha
Età media del vigneto: 50-60 anni
Produzione media per ha: 100 ql/ha

Vinificazione e affinamento: Vinificazione in bianco in cisterne d’acciaio. Riposo in acciaio e stabilizzazione naturale al freddo durante l’inverno. Nella primavera successiva il vino viene imbottigliato senza aggiunta di lieviti. La “seconda” fermentazione ripartirà spontaneamente in bottiglia grazie al tepore primaverile. Affinamento in bottiglia qualche mese prima di poter essere consumato.
Solforosa totale: 40-50 mg/l
Bottiglie prodotte: 5.000
Premi e riconoscimenti: Guida Slow Wine

Disponibilità: 3 disponibili

Curiosità

Prodotto con una piccola selezione di uve Glera, provenienti da un vigneto storico ricevuto da un anziano del paese, il “Brichet” prende il suo nome dal suo antico proprietario, onorandolo. Il terreno poco fertile favorisce una maturazione più concentrata delle uve in termini di sapidità ed aromaticità e la presenza di sassi nel terreno permette la produzione di un vino molto fine e magro che col tempo evolverà assumendo caratteristiche di mineralità.

Suggestione d’Autore

“Il piacere unico nel bere questo vino lo ritrovo soprattutto in estate dopo averlo raffreddato nel ghiaccio, è un vino dissetante grazie alla sua frizzantezza, ad una leggera acidità e alla bassa gradazione alcolica. Eccezionale e suggestivo in abbinamento a piatti di pesce.” Raffaele Follador, Produttore

Chicche d’Uva – Pillole sul mondo del vino

Quando beviamo un Prosecco beviamo principalmente uva Glera. Il Prosecco infatti è il nome del vino e non dell’uva. Prosecco è anche un nome che nell’uso comune è utilizzato per indicare un vino bianco con le bollicine. Ma proviamo a restituirgli una chiara identità, così da non confonderlo con la molteplicità di bollicine che si producono in Italia e nel mondo, restituendo anche ad esse quella dignità e quell’identità molto spesso negata.
Il disciplinare della DOC Prosecco ci indica con quali uve deve essere ottenuto il vino, ovvero principalmente uva Glera, a partire da un 85%, alla quale si può aggiungere, da sole o congiuntamente, fino ad un massimo del 15%, le seguenti uve: Verdiso, Bianchetta trevigiana, Perera, Glera lunga, Chardonnay, Pinot bianco, Pinot grigio e Pinot nero (vinificato in bianco).
La DOC Prosecco, inoltre, è anche una delle poche DOC interregionali d’Italia estendendosi su zone appartenenti sia al Friuli Venezia Giulia che al Veneto e nello specifico ai territori delle province di: Belluno, Gorizia, Padova, Pordenone, Treviso, Trieste, Udine, Venezia e Vicenza.
Agli inizi del Cinquecento il vino “Pucino”, amatissimo dai romani e proveniente dalla località di Prosecco, viene nominato in alcuni studi letterari di un certo peso, dove si narra che grazie alle sue leggendarie qualità si poteva raggiungere età veneranda mantenendosi in ottima salute.
Risalgono però al Seicento i primi documenti in cui si cita il nome “Prosecco” per indicare un vino bianco, delicato, che ha origine sul Carso triestino e in particolare nel territorio di Prosecco una piccola località della provincia di Trieste, nell’estremo nord-est della penisola italiana. È dunque certo che delle coltivazioni viticole fossero collocate lungo i pendii soleggiati digradanti da Prosecco verso il mare, al riparo dei freddi venti di bora, dove si trovava un terreno marnoso-arenaceo favorevole alla maturazione di uve molto particolari.
La storia moderna del Prosecco, invece, inizia a partire dall’Ottocento, dove il vitigno viene citato più volte in importanti documenti che negli anni divennero sempre più frequenti.
Quando si afferma che il Prosecco è il vino italiano più venduto al mondo non si scherza, ed ecco qualche numero: 486 milioni di bottiglie prodotte, 11460 case viticole coinvolte, 1192 aziende vinificratici e 347 case spumantische, numeri da far girar la testa.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Brichet Frizzante… Naturalmente”