LogoGUS
Cerca
Generic filters
Filter by Categorie prodotto
Produttori
'A Vita
Azienda Agricola Ilaria Cocco
Casa Comerci
Azienda Agricola La Distesa
Paltrinieri
Società Agricola Collecapretta
Azienda Maria Pia Castelli
Vignaiolo Fanti
Tenute Dettori
Revì
Antica Azienda Agricola Paolo Bea
Società Agricola Annesanti
Cantina San Biagio Vecchio
Ermes Pavese
Azienda Agricola Artico
Elena Fucci
Cipressi Claudio
Cascina degli Ulivi
Azienda Agricola Battiato
Azienda Agricola Ciro Picariello
Azienda Agricola Hibiscus
Casa Coste Piane
Emidio Pepe
Forlini Cappellini
Iacopo Paolucci
Il Paradiso di Manfredi
L'Archetipo
Nicola Gatta
Ronco Severo

Il Paradiso di manfredi

Noi ci occupiamo del vino, lasciamo a voi il compito di descrivere la nostra realtà.” Con queste parole lapidarie vi presentiamo la piccola cantina de “Il Paradiso di Manfredi”. Una famiglia dedita al lavoro di cantina dal 1981 quando Florio e Rossella decisero di dar vita ai terreni di Manfredi, papà di Rossella. Siamo a Montalcino terra prediletta per il Brunello termine usato in questa zona per dare il nome al Sangiovese Grosso.

il paradiso di manfredi

Produttore: Florio Guerrini

Regione: Toscana

Anno di fondazione: 1981

Ettari coltivati a vigneto: 3,5 ha

Vitigni coltivati: Sangiovese Grosso detto Brunello

Bottiglie prodotte: 11.000 circa

Produttore:
Florio Guerrini

Regione:
Toscana

Anno di fondazione: 1981

Ha coltivati a vigneto:
3,5 ha

Vitigni coltivati: Sangiovese Grosso detto Brunello

Bottiglie prodotte:
11.000 circa

Il Paradiso di Manfredi è una piccola azienda familiare situata sul lato esposto a nord/nord-est della collina di Montalcino. L’azienda è costituita da 3,5 ettari di terreno, dove, oltre al vigneto, disposto su sette terrazzamenti a una media di 350 metri di altitudine, trovano posto un’abitazione, ulivi, alberi da frutto, un orto e una piccola coltivazione di zafferano; tutto inserito in un clima secco e mite, ben arieggiato, dove i vigneti sono protetti dai venti freddi. L’azienda, oggi guidata da Florio e Rossella e dalle figlie Silvia e Gioia, fu acquistata a metà degli anni cinquanta dai genitori di Rossella, Manfredi Martini e la moglie Fortunata.

Il vigneto, che copre circa 2,5 ettari, poggia su un suolo ricco di minerali di derivazione marina (periodo del Pliocene) intervallato da stratificazioni di roccia formatasi circa 30 milioni di anni fa. Per questo viene escluso l’uso di qualsiasi tipo fertilizzante, preferendo un sovescio di erbe spontanee e trattamenti a base di sali di rame e zolfo puro o bagnabile, in quantità sempre molto minori di quelle consentite dal biologico.

Il vino nasce da fermentazioni spontanee in tini di cemento vetrificato grazie all’energia e alle complessità possedute dai lieviti autoctoni e varia di denominazione solo in base al tempo di permanenza in botte. Dai 13/14 mesi per il Rosso di Montalcino, ai 36 per il Brunello, fino ai 48 per il Riserva. I vini di Paradiso di Manfredi non subiscono alcun accomodamento tecnico, decantano e si illimpidiscono naturalmente, sono quindi vini interi, espressione della forza del suolo, dell’energia dei lieviti autoctoni e della potenza del vitigno Sangiovese Grosso, detto Brunello.

Perché Il Paradiso di manfredi?

MartaNuova

La domanda è mal posta. Perché no? Perché non assaporare un pezzo di storia, di identità vitivinicola italiana, perché non assaporarne gelosamente le caratteristiche, le peculiarità, l’estrema finezza, l’eleganza, la profondità in una contemplazione mistica che ben si sposa con le occasioni che vale la pena ricordare?

L'opinione di Marta

I vini di Il paradiso di manfredi